shrek@superdada.com

 

 

Home  >>   Editoriale

L'editoriale di $hr€k

 

  Editoriale | 21.03.2010 - 17:55

 

Battuta l'Arenella 1-0
E' salvezza matematica!

La Folgore con la vittoria odierna, contro i Palermitani dello Sporting Arenella, raggiunge l'agognata salvezza con due turni di anticipo sulla fine del campionato, e centra l'obiettivo primario che la società si era prefissato ad inizio stagione.

La Folgore passa in vantaggio dopo appena quattro minuti con Norfo (alla sua prima marcatura stagionale) che approfitta di un liscio clamoroso di un difensore Palermitano. Da questo momento la partita non offre altri spunti di rilievo, se non per l'eccessivo agonismo degli ospiti che incanalano la partita sui binari del gioco "maschio".

Gran poca cosa oggi l'Arenella, che assetata di punti, non ha saputo creare granché in avanti. Di contro i rossoneri non ne approfittano, mantenendo una condotta di gara al cloroformio, ravvivata da un paio di fiammate nel finale con un paio di  clamorose palle gol buttate alle ortiche dagli avanti Castelvetranesi.

Ma se il fine giustifica i mezzi, allora possiamo dire che oggi è stata una grande giornata per i nostri amati colori! Salvezza in saccoccia e ultime tre partite (compreso il recupero di Mercoledì con la Parmonval) per dare spazio ai più giovani, nonché nostro futuro.

                                                                                $hr€k
 

 

  Editoriale | 13.12.2009 - 17:55

 

Basta un tempo ai rossoneri
Folgore - Enna 2-0

Torna alla vittoria la Folgore dopo un paio di turni di campionato non proprio positivi. Vittoria importante anche se dai contenuti tecnici modesti per i palati più esigenti.

Mister Catalano schiera una formazione inedita per via delle squalifche di Termine e Pizzitola, ma che lascia perplessi i pochi tifosi presenti allo stadio per la scelta di lasciare in panchina Marino e soprattutto Abbene, che nelle precedenti partite spesso è stato decisivo per la Folgore.

Diciamo subito che la squadra nel primo tempo è stata inguardabile, molti errori banali, poco mordente e con gli ospiti che avevano la meglio in ogni contrasto.

Azioni da rete manco l'ombra per la squadra di casa, e con Longo a sbrogliare una situazione pericolosa.

Nella ripresa la squadra cambia volto, lo spento Norfo viene lasciato negli spogliatoi sostituito da Italia, e si rivede Abbene al posto di Bono.

La partita sale di intensità, anche se l'agonismo sembra eccessivo, e la Folgore passa con Li Castri che sospinge in rete un ottimo cross di Catanzaro. A questo punto la partita si incanala sui binari più congeniali per i rossoneri, che da una parte tamponano le sfuriate offensive dell'Enna con un pò di affanno, e dall'altra sfruttano gli spazi liberi con buoni contropiedi. Esempio lampante il gol di Italia, che partito sul filo del fuorigioco da un lancio dalle retrovie si invola solitario in area e dopo aver saltato il portiere insacca indisturbato.

Tre punti importanti che permettono alla squadra di rimanere ai margini della zona play-off e di tenere a debita distanza la zona pericolo, ma la partita odierna conferma le difficoltà delle ultime settimane, con un gioco involuto, una manovra monocorde basata sui lunghi lanci e incapace di imporre una supremazia territoriale.

La giornata di campionato registra il mezzo passo falso del Favara che si lascia imporre il pareggio dalla Parmonval, non ne approfitta il Marsala 1912 che pareggia in casa con il Kamarat.

                                                                                $hr€k
 

 

  Editoriale | 13.12.2009 - 17:55

 

Si chiude il girone di andata
Folgore - Sancataldese 2-0
Sognare si può!

Si chiude nel migliore dei modi il girone di andata per la Folgore di un campionato piuttosto livellato in basso.

Grande ammucchiata nella parte alta della classifica alle spalle del Favara che tenta la fuga, e con i rossoneri che scavano un profondo solco con la zona play-out.

La partita di oggi, che ha visto il debutto di Longo, non è stata per niente bella, anzi! La Folgore vista oggi è sembrata la peggiore tra quelle viste al Paolo Marino quest'anno, ed un risultato che condanna oltre modo la pur non eccezionale Sancataldese.
Mister Catalano ha impartito il solito gioco di rimessa con lanci lunghi per Bono e Li Castri. Solo in un paio di occasione quest'ultimo ha punzecchiato la difesa ospite, per il resto buio totale. Di contro la Sancataldese ha avuto la possibilità di passare a causa di un paio di svarioni di De Maria e compagni.

Dopo un primo tempo da dimenticare, nella ripresa alla prima azione Li Castri ribadisce in rete dopo un veloce batti e ribatti in area. Sulle ali dell'entusiasmo la Folgore continua a spingere e a sfruttare il gioco a lei più congeniale. Al quarto d'ora è Cumbo con un bel tiro a chiudere la partita. La Sancataldese non ha più la stessa lucidità per reagire e non si rende più pericolosa, calano le tenebre sul Paolo Marino e nel frattempo la partita perde qualunque interesse.

Ottimi questi tre punti in chiave salvezza, ma la posizione occupata dalla Folgore e le avversarie viste in questa prima parte di campionato autorizzano i tifosi a sperare in qualcosa di più!

A proposito di tifosi, scarsi quelli locali visti oggi al campo, come al solito presenti gli ultras di Sancataldo che hanno incitato la propria squadra fino alla fine nonostante la pioggia e il risultato negativo!

                                                                              $hr€k
 

 

  Editoriale | 22.11.2009 - 17:58

 

Norfo si infortuna all'esordio
Folgore - Parmonval 2-1
Rossoneri concreti soffrono nel finale

Una Folgore meno spumeggiante del solito ritorna alla vittoria tra le mura amiche e riaggancia i quartieri alti della classifica.

Fuori per infortunio Cumbo e con Montepiano squalificato mister Catalano schiera un centrocampo inedito quest'anno, con Pizzitola vertice basso, Messana e Pisciotta ad interdire e Abbene dietro le punte Li Castri e Italia, quest'ultimo preferito al beniamino dei tifosi Bono. Anche De Maria in panca per far posto all'Under Di Maio.

La Folgore, al contrario di quanto siamo abituati, parte al piccolo trotto e lascia l'iniziativa agli ospiti. Al 10' incursione in area dei Palermitani fermata con un evidente fallo di mano di Scimemi, la terna arbitrale non ravvede il fallo tra le proteste di Mister Tarantino.

Passano appena 5 minuti e la Folgore passa con un magnifico tiro da fuori area di Abbene che coglie l'incrocio dei pali. Ancora una volta il Riberese sblocca il risultato rivelandosi una pedina davvero preziosa. Passano altri 5 minuti ed arriva il raddoppio con Italia che lanciato in area infila la non impeccabile retroguardia ospite. La Parmonval rimane tramortita dal fulmineo uno-due della Folgore e non abbozza una reazione degna di nota.

Nella ripresa la partita si fa brutta, fallosa, e con evidenti errori da entrambe le squadre. Sterile e inconcludente appare il dominio territoriale della Parmonval, anzi è la Folgore con Italia a fallire la terza rete. La partita sembra non avere altro da dire ma ci pensa Messana a ravvivarla facendosi espellere per due inutili falli a cui corrispondono altrettanti cartellini gialli. Al 80' Norfo che nel frattempo era subentrato ad Italia al primo scatto si infortuna, riportando un malanno muscolare. La Folgore che nel frattempo aveva esaurito le sostituzioni rimane in nove. La Parmonval coglie al volo lo stato di difficoltà e pigia sull'acceleratore, e allo scadere si procura e trasforma un netto fallo da rigore. Palla la centro e l'arbitro decreta 5 minunti di recupero, che si rivelano una vera sofferenza! dopo una serie di bagarre in area rossonera, arriva, liberatorio, il triplice fischio dell'arbitro (mediocre la sua direzione) che allontana dagli occhi dei tifosi lo spettro il un'altro recupero ospite dopo Marsala e Gattopardo.

In testa alla classifica frena il Favara e addirittura perde in casa la Gattopardo, il Marsala ASD fa sua la stradcittadina con il Marsala 1912, pari nel derby dell'Akragas con il Kamarat.

Alla luce di questi risultati, in vetta la classifica si compatta ulteriormente e fa si che gli uomini di Catalano si riaffacciano nella zona play-off.

                                                                              $hr€k
 

 

  Editoriale | 08.11.2009 - 23:51

 

Folgore -  Gattopardo 1-1
I rossoneri mancano il ko e si devono accontentare del pari.

Si mordono le mani  i sostenitori rossoneri per questa mancata vittoria contro la capolista di questo girone di eccellenza. Vittoria che poteva essere messa al sicuro al 40' del primo tempo quando Daniele Li Castri manca clamorosamente il raddoppio a tu per tu con il portiere al culmine di una mirabile azione di contropiede. Come spesso recita una frase fatta: "gol mancato gol subito", ma questo arriva all'inizio della ripresa grazie ad un pasticcio difensivo di De Maria e compagni.

Ma facciamo un passo indietro: la Folgore inizia a spron battuto e con rapidi contropiedi mette in difficoltà la difesa palmese, già al 10' Abbene colpisce il palo dopo uno scambio con Marco Cumbo, al 20' la Folgore passa, angolo di Bono, respinta della ripresa e lo stesso Abbene riprende la sfera e ribadisce facilmente in rete lasciata clamorosamente sguarnita dalla difesa Palmese.

La Folgore riesce ad esprimere il gioco a lei più congeniale: pressing asfissiante a centrocampo e veloci ripartenze, che non lasciano che le briciole agli avanti avversari, mai pericolosi dalle parti di Denaro. Gioco congeniale sì ma anche dispendioso! Gli effetti si vedono nella ripresa, la Folgore perde smalto e non aggrediscono più il centrocampo ospite, che grazie anche al notevole tasso tecnico prende il sopravvento sulla partita. Dopo il pareggio, la Gattopardo da le sensazione di poter tentare il colpaccio, ma la Folgore, che nel frattempo aveva perso Cumbo per infortunio,  stringe i denti e nel finale ritorna a farsi pericoloso e fallisce di un soffio la marcatura con Li Castri, Termine e Scimemi, questi ultimi su calci piazzati.

La Folgore rimane al terzo posto in classifica ma domenica prossima dovrà osservare un turno di riposo. Riamane la convinzione che quest'anno la musica sia cambiata e che la squadra se la può giocare alla pari con chiunque e che grazie a mister Catalano, che riesce a tirar fuori il meglio da una formazione di giovani, riuscirà a raggiungere una più che dignitosa posizione in classifica e a togliersi qualche soddisfazione.

                                                                              $hr€k
 

 

  Editoriale | 27.09.2009 - 17:47

 

Peccato! Poteva essere la vetta...!

Delusione finale al fischio arbitrale per quella che poteva essere la partita dell'aggancio alla vetta, visti i risultati odierni.

Poteva essere l'apoteosi se all'ottantesimo "Highlander" Nino Barraco non avesse insaccato di testa solo soletto in area, ma non è il caso di stracciarsi le vesti. La Folgore ha tutto sommato fatto una buona partita contro un'avversaria quotata confermando l'ottimo momento di forma che sta attraversando. Il Marsala ha confermato la buona impressione lasciata nelle gare di Coppa e senz'altro farà un campionato d'avanguardia. A Castelvetrano dopo il repentino vantaggio rossonero, ha preso il palino del gioco, mostrando un buone  manovre, anche se sterile in attacco. Infatti sono di marca fologrina le più ghiotte occasioni da gol malamente sprecate da Armato e Daniele Li Castri nel primo tempo, e di Bono nel secondo. Questo non fa altro che accrescere il rimpianto per i 3 punti sfuggiti nel finale.

Ma a scanso di equivoci, visto l'organico, viste la partite fin qui disputate alla Folgore non si può chiedere altro che una tranquilla salvezza. E' vero, ancora è presto per dare giudizi definitivi, ma non si può pretendere la luna da una formazione incompleta in certi reparti: l'atavica mancanza di una punta centrale con un pò di centimetri si è vista e stravista, non si beccava una palla di testa manco a pagarla a peso d'oro! L'oragnico abbonda di presunte punte o di mezzepunte ma chi credeva di aver risolto il problema dell'attacco con l'arrivo di Daniele Li Castri si sbaglia di grosso. Quest'ultimo è un ottima mezzapunta, magari oggi non al  meglio, ma che non può catalizzare si di se i cross provenienti dalle fasce.

E poi il portiere! Altro tasto dolens. Ancora inesperto, non da tranquillità al reparto difensivo.

Vogliamo una salvezza tranquilla? Ok, va bene così, ma a Novembre non diamo i via i migliori! Ma se volessimo osare qualcosa in più allora cari dirigenti, facciamolo qualche sforzo in più, completiamo l'organico in questi due reparti. Sarebbe un peccato visti i chiari di luna di questo campionato di Eccellenza.

L'Akragas esce sconfitto da Sancataldo e sembrerebbe accusare il momento di bailamme dirigenziale, ma il risultato odierno più clamoroso è il pareggio imposto dal fanalino di coda Enna in casa del Marsala 1912. E' sono proprio quest'ultimi i prossimi avversari della Folgore. Partita da non prendere sotto gamba, ma che si presenta, anzi, più complessa, considerata la più che prevedibile voglia di rivalsa degli uomini di Brucculeri, partiti con velleità di vittoria finale.
 

                                                                              $hr€k
 

 



 




 
 Info Calcio Nazionale
 


 

 




News  |  Stagione  |  Società  Stadio |  Multimedia  |  Squadra  |
Archivio   Comunity    Newsletter    Biglietti   Termine

 

Contatti: administrator@folgore1945.it  

         webmaster@folgore1945.it

info@folgore1945.it