I Miti Rossoneri

I Miti Rossoneri

Pagina 1 —2 — 3 — 4 —-5 — 6

 

Domenico Berlich Giovanni  Messana

E’ stato sempre un valido elemento su cui contare ad occhi chiusi. Quando era nel pieno della forma fisica oltre a risultare una spalla validissima per Passafiume è stato  un vero e autentico cecchino d’area di rigore.

 

 

 

 

 

 

Nato a Castelvetranol’1-1-1953, è stato un punto di forza del complesso rossonero. Uomo prettamente di interdizione è risultato molto efficace fuori casa e tra le mura amiche sopperisce a determinate carenze tecnico tattiche con agonismo senza pari.

Francesco Morana

Giuseppe Lipido
Nato a Palermo il 30/07/1942 venne in prestito alla folgore nell’anno 1962/1963. Don Peppino Taormina il Presidente della promozione in serie D, aveva avuto delle ottime referenze sul giovane e difatti mostrò subito le sue indiscusse doti fra i pali. Fu selezionato per la rappresentativa Nazionale ed ebbe la soddisfazione d’indossare la maglia n°1. Ritornò al palermo dove esordì anche in serie B.

Nato a Castelvetrano il 11-9-1945 è cresciuto calcisticamente nella Folgore. Nel 1970 fu ceduto al Messina ma non ebbe tanta fortuna infatti torno di nuovonella sua città natale. Nel 1972-1973 fu ceduto all’Enna e da qui passo al Salemi dove divene un punto di forza assieme al fratello Angelo.

 Passafiume  Giuseppe Tranchina

Palermitano, è nato il 30/06/1953, la folgore lo ha acquistato dal Cantieri Navali. sia in D che in promozione passafiume non ha avuto  problemi, ogni domenica l’attaccante ha fatto la sua onestissima partita. Fortissimo nel controllo della palla e nell’elevazione è stato uno dei pilastri della squadra rosso-nera. E’ stato sicuramente l’idolo dei tifosi locali che ancora oggi ricordano le sue gesta.

Nato a palermo il 28-3-1939 fu acquistato dal Trapani, rimase due anni  a Castelvetrano e anche lui indossò la prestigiosa maglia della Nazionale.