Obiettivo: Salvare la Folgore

By on lunedì 05 dicembre 2011

Tutti sulla graticola

Convocata per oggi la riunione di tutti i Dirigenti del sodalizio rossonero, l’obiettivo n°1 è: “Salvare la Folgore“, arginare l’emorragia di sconfitte e  dare lustro ad una società che mai come quest’anno rischia davvero il collasso sportivo.

Sulla graticola verranno messi TUTTI i componenti della rosa.

Nessuno è sicuro di continuare a vestire la casacca rossonera proprio perché nel corso di queste giornate non hanno saputo dare il giusto contributo alla squadra e per aver manifestato scarso attaccamento alla maglia.

A fine partita, ieri contro il Castellammare, il Presidente Enzo Carrara è entrato negli spogliatoi dello stadio notificando ai giocatori che nel corso della settimana potrebbero essere restituiti i cartellini ai singoli atleti e di conseguenza l’esclusione dalla rosa.

La Folgore è dunque al bivio, bisognascegliere e bisogna farlo per bene cercando di non ragionare con la pancia e cercando di dare un significato all’investimento sportivo di quest’anno.

Il Presidente Vincenzo Carrara e i dirigenti, sono determinati a segnare la svolta della stagione in piena correttezza con il ” o si fà la Folgore o si muore!“.

Le strade da percorrere sembrano  soltanto due:

  • affidare il prosieguo del torneo agli allievi, ipotesi al quanto remota in quanto, per quel poco che li conosciamo, i Dirigenti faranno di tutto per provare a salvare questa squadra, anche per evitare che si ricordino per aver segnato il tramonto della gloriosa Folgore;
  • o cambiare, ove possibile, anche 11/11 di squadra.

L’unico a cui non è puntato l’indice è il tecnico Gerardi, ancora ad oggi a secco di punti e di gioco sulla panchina della Folgore.

Il tecnico  Marsalese è dunque in una posizione salda e sicura, tranne se la Dirigenza decidesse di affidare la stagione agli allievi, ammainando dunque bandiera bianca.

Una Folgore mediocre,  priva di voglia, composta da giocatori che oggi non farebbero i titolari neanche in Promozione, è questa la fotografia e il rendiconto dopo la sconfitta contro il Castellammare, è questo il bilancio dopo 13 giornate di campionato.

La riunione per rinascere o per morire, l’ennesima riunione per sistemare le cose, per mettere i tasselli al posto giusto.

Sarebbe anche il caso che la riunione serva anche per parlare di Futuro, cioè sapere se c’è voglia di continuare con serietà e programmazione (senza valzer di Presidente da maggio a Settembre) oppure mettere la parola fine alla Folgore Selinunte!

 

About Tonino Tuzzolino

One Comment

  1. gianfilippo bonanno

    lunedì 05 dicembre 2011 at 17:08

    Vedere la Folgore nella penultima posizione della classifica del campionato di eccellenza rende tutti tristi, un blasone come la Folgore di Castelvetrano è un patrimonio “immenso” ma spesso qualcuno lo dimentica e non da atto a questi “valorosi” dirigenti di reggere i costi di gestione in un dilettantismo denigrato e mortificato dalle pay tv e dal calcio spezzatino del weekend italiano. Scritto questo, vorrei lanciare al presidente del sodalizio rossonero un grosso in bocca al lupo, la mia esperienza da dirigente (7 anni a cavallo dal 2000 al 2006) mi ha insegnato tantissimo ed è proprio dai momenti difficili quando tutto sembra finito che il vero dirigente folgorino riesce a tirare fuori la grinta per la risalire la china…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *