Folgore – Dattilo 1-2

By on domenica 18 ottobre 2015

Scappini

Dopo una serie di risultati positivi, la Folgore esce sconfitta, e per la prima volta in casa, hanno vinto i migliori, ha vinto il miglior collettivo oggi al Paolo Marino, ma la Folgore non ha demeritato, e ha dimostrato che può ritagliarsi un ruolo in questo torneo di Eccellenza, sicuramente non trascurabile.

Le due formazioni partono in sordina, consapevoli della forza reciproca, ma dopo circa un quarto d’ora è proprio la Folgore a sfiorare il vantaggio con Bruscia che da due passi tira tra le braccia del portiere ospite. Gol mancato, gol subito: corre il 17′ minuto quando Palermo sfrutta bene una corta respinta della difesa rossonera e infila Montagna con un gran tiro dal limite.

La Folgore tenta di reagire, con delle veloci incursioni sulle fasce di Morici e in special modo di Giordano, ma i cross dal fondo o sono errati o  trovano sguarnita di attaccanti l’area ospite.

La ripresa si apre col raddoppio del dattilo: veloce quanto prevedibile contropiede ospite che trova totalmente impreparati Pizzitola e compagni, dormita generale e Porto, ex rossonero, la mette dentro.

La Folgore reagisce ma lo fa senza ragionare, sfruttando incursioni velleitarie di Galluzzo, Licata e del nuovo entrato Buscaglia.

Al 65′ la Folgore accorcia le distanze: Licata conquista palla e dal limite tenta il tiro, ma sbugiardando le sue doti di tiratore, ne esce un tiro sbilenco, che ironia della sorte si trasforma in assist al bacio per l’accorrente Scappini, che superando il portiere ospite insacca.

A questo punto la Folgore pigia sull’acceleratore, porta ancora in avanti il proprio baricentro, guadagna tutta una serie di calci piazzati, ma non si rende più particolarmente pericolosa. Negli ultimi dieci minuti la Folgore molla esausta, e il Dattilo si limita ad amministrare e portare a casa tre punti che le gli consentono di mantenere la testa della classifica. Per i rossoneri un’altro dispiacere da parte dei Trapanesi dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia.

Ottimo Dattilo, ma la Folgore può e deve migliorare: meno personalismo nelle giocate e più collettivo, è mancato oggi l’uomo dell’ultimo passaggio. Ottimo Maggio, ottimi Galluzzo e Giordano, ma devono dialogare di più con i compagni di reparto.

 

About $hr€k

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *