Folgore 1 – Akragas 3 Vince L’esperienza

By on domenica 25 settembre 2011

Vince L’esperienza!! ma la Folgore C’è!

E’ finita 1 a 3 la sfida contro l’Akragas, ma il risultato non racconta la reale partita, la Folgore non è uscita con le ossa rotte anzi! i rossoneri oggi forse hanno capito che in questo campionato possono dire la loro.

A far visita al Paolo Marino è arrivata L’Akragas, squadra blasonata e piena di gente d’esperienza, una squadra insomma che punta dritto alla vittoria del torneo per far vivere alla città Agrigentina il sogno della serie D che manca ormai da tanto tempo.

Quasi trecento gli spettatori frà tribuna e gradinata, quasi 100 i tifosi della squadra di Mr. Vincenzo Montalbano!

Generalmente siamo qui a parlare della partita e di quello che si è visto nel rettangolo di gioco, ma oggi vorrei tirare un sassolino, che esso riesca a far breccia in quei tifosi che nel calcio vedono oltre al puro agonismo e campanilismo anche un modo per fare di tutto Violenza.

Onore, gloria e merito ai tifosi Castelvetranesi per aver dato lezione di Sportività, onore al pubblico rossonero additato da molti come pubblico senza vervè e senza grinta, onore al popolo Folgorino che oggi al Paolo Marino ha offerto agli occhi delle Tv presenti una sana voglia di Sport.

Nessuno ha dimenticato cosa accadde lo scorso anno quando ospiti dell’Akragas ad Agrigento i nostri giocatori sono stati trattati quasi a pesci in faccia, nessuno ha dimenticato che dentro gli spogliatoi della nostra squadra oltre alle panche c’erano fiumi di acqua, nessuno ha dimenticato e qualcuno forse non sa che ad Agrigento lo scorso anno il nostro tecnico fu messo all’angolo dai Dirigenti dell’Akragas, tutti ricordano che lo scorso anno a qualche nostro giocatore sono arrivate anche minacce e brutte parole….. ma…… oggi i Castelvetranesi hanno accettato i tifosi dell’Akragas con rispetto e con amicizia proprio all’interno della tribuna.

Questo è sport questo è il Calcio! ricordiamo sempre che questo sport serve a far crescere l’agonismo ma anche il rispetto per l’avversario.

A volte di questo qualcuno si dimentica.

Cartellino Rosso per un telecronista della provincia di Agrigento reo oggi di aver aizzato gli animi con frasi brutte quanto fastidiose, che sicuramente saranno recepite da chi guarderà la partita in questa Tv Locale ma che risulteranno false e tendenziose.

Auguro all’Akragas di vincere il torneo, Auguriamo alla Città Agrigentina di poter rivivere i fasti di un tempo con la speranza che gli episodi dello scorso anno non si ripetano e che la prossima sfida ad Agrigento sia una sfida all’insegna dello SPORT. ORGOGLIOSO DI ESSERE ROSSONERO, ORGOGLIOSO DELLA FOLGORE!

Pubblico caldo e bella partita fin dalle prime battute ed è subito l’Akragas ad alzare il baricentro del gioco impostando delle belle azioni da gioco che hanno impensierito in più di un’occasione la difesa Rossonera.

La Folgore non stà a guardare e in più  di un’occasione prova a partire in contropiede e al 7 minuto Dinamite Catanzaro si invola sulla fascia sinistra e saltato un’avversario calcia da posizione defilata colpendo il palo, palla dentro l’aria di rigore preda dei difensori Agrigentini pronti a ripartire.

L’orologio segna il 17° minuto quando Santangelo in pressing attacca un difensore portatosi con la palla vicino il cerchio di centrocampo, il n°9 Rossonero gli soffia la palla e si proietta in avanti sulla fascia sinistra, Catanzaro marcato da un’avversario lo segue a grandi falcate e servito dentro l’aria riesce a toccare la palla mettendola dietro le spalle si Infantino.

Goal e delirio per i presenti al Paolo Marino.

Gioia che dura poco, la squadra BiancoAzzurra dove nelle sue fila c’è gente del calibro di Semprevivo, Carbonaro, Bennardo e Guastella reagisce immediatamente e al 19° su una disattenzione della difesa Castelvetranese riesce a raddrizzare l’incontro con il Goal di Bennardo,

La partita non vive momenti di stanca, vuoi per le belle azioni da gioco degli ospiti vuoi per le ripartenze in contropiede dei rossoneri guidati più volte dal n° 10 Vito Bono che in più di un’occasione ha arretrato la sua posizione per impostare l’azione, del resto l’assenza di Montepiano (Problemi muscolari) e di Di Ruocco (Infortunato) si sono sentiti sia per esperienza che per qualità di gioco.

Al 32° è ancora l’Akragas vicino al Goal con Carbonaro  e 5 minuti più tardi raddoppia con lo stesso giocatore.

Il Primo tempo finisce con l’Akragas in vantaggio ma tra il pubblico c’è soddisfazione per una squadra GIOVANE e capace di mettere in apprensione i blasonati BiancoAzzurri.

Nei primi minuti del secondo tempo Mr. La Bianca opera i primi cambi con la speranza di raddrizzare la partita dentro Cirillo fuori Mangiaracina dentro Italia fuori Santangelo, ma la Folgore non scende in campo con la giusta determinazione mostrata nei primi 45 minuti, l’Akragas se ne avvede e inizia a impostare buone trame da gioco schiacciando i locali nella propria aria di rigore.

Al 49 minuto Akragas ancora vicino al Goal con un batti e ribatti dentro l’aria di Montagna (ancora ottima la sua prestazione) che finisce con far terminare la palla fuori.

La Folgore esce dal guscio dal 60 al 70 e prova a colpire ancora una volta, ma la scarsa vena di Italia e qualche imperfezione nella conclusione non porta allo sperato pareggio.

All’82 Doccia fredda e partita chiusa, contropiede della squadra di capitan Bennardo dalla destra passaggio perfetto per il neo entrato Piazza che da due passi mette dentro.

Finisce la partita con applausi a scena aperta dei tifosi Agrigentini all’indirizzo dei propri beniamini , ma gli applausi sono pure per i rossoneri di Pino La Bianca che si sono presentati nel cerchio di centrocampo.

La prossima partita sarà a Cammarata e contro il quadrato Kamarat! sarà una bella partita e sarà una gran bella giornata di Sport.

Ai nostri ragazzi giunga il pensiero di tutti i tifosi Castelvetranesi! Siete una bella squadra, forse ancora inesperta vista la giovane età ma sicuramente quest’anno insieme ci divertiremo!

MOLLARE MAI e Forza Folgore.

About Tonino Tuzzolino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *