Folgore 0 – Leonfortese 1

By on domenica 16 settembre 2012

Tanta Grinta ma la vittoria non arriva

La prima di campionato al Paolo Marino è terminata con un’altra sconfitta ad opera della neopromossa Leonfortese di Mr. Mirto.

Potrei accodarmi alle critiche subite dalla squadra a fine partita ed alle singole accuse rivolte nei confronti del tecnico Rossonero Gerardi, potrei ma non credo che sia giusto nell’analisi dei 95 minuti del match.

I Rossoneri sono stati poco brillanti nel corso del primo tempo e in rare occasioni si sono fatti avanti con determinazione per bucare la porta avversaria, dall’altra parte anche la Leonfortese non è stata superiore e tanto meno ha impensierito più di tanto il portiere Longo.

Nel secondo tempo soltanto una dormita generale della difesa ha permesso al piccolo e vulcanico Concialdi di bucare la porta avversaria chiamando i rossoneri ad una reazione, che c’è stata, per ritrovare il pari. Pari sfiorato in un paio di occasioni seppur in 10 uomini per l’espulsione di Porto all’8 del secondo tempo.

Folgore sfortunata e in qualche occasione sciupona, ma sicuramente presente in campo con orgoglio e determinazione.

Non è tutto da buttare dunque e, forse, bisogna avere un po di pazienza per prendere consapevolezza e sicurezza nei propri mezzi.

A dirla tutta qualche neo potrebbe essere rilevato e volendo fare i tecnici, il calcio è bello per questo, avremmo preferito vedere Ata più nel vivo della manovra e quindi al centro della zona d’attacco e non defilato sulla destra dove ci è parso poco incisivo, altro neo della partita che vogliamo fare rilevare sono i diverbi, che stanno diventando una consuetudine frà pubblico e il Mr. locale, l’applauso ironico rivolto ad uno o più tifosi da parte del Mr. Rossonero non è da elogiare e non è uno bello spot per il calcio se pur minore.

Mr. Gerardi già lo scorso anno aveva rilasciato dichiarazioni particolari e sicuramente non belle, poi bloccate abilmente dalla dirigenza Rossonera, ci auguriamo che il tecnico Marsalese abbia più pazienza e non si faccia prendere dal nervosismo  che lo porta a gesti spiacevoli  che possono incrinare ancor di più un rapporto che ancora oggi non trova pace.

Cronaca

Pronti via, Al 4° minuto è Carbonaro per la Leonfortese a chiamare al miracolo Longo che con un bel colpo di schiena mette la palla in angolo.

Rossoneri e Biancoverdi si controllano nel cerchio di centro campo, all’11 la squadra di Mr. Mirto si porta dentro l’aria di rigore rossonera e una scivolata di Mangiaracina su Patti evita il colpo sicuro in porta, ma i biancoverdi reclamano il rigore non concesso dal direttore di gara Ragusano Frasca.

Al 13 la Folgore fa capolino in avanti, Ata sulla destra si libera di un avversario e cambia gioco a sinistra, la palla giunge a Testa che prova a tirare sbagliando il tiro.

Al 17 la Leonfortese si porta in avanti e schiocca un tiro dalla distanza con Concialdi che spara alto.

Ancora Concialdi al 21 che tira dalla distanza per la presa sicura di Longo.

Al 24° risponde la Folgore con Stallone che defilato dalla destra calcia in porta e sfiora il palo esterno.

Un minuto più tardi ancora la Folgore in avanti Morici, buona la sua prova, crossa per la testa di Lombardo interviene un difensore della Leonfortese e la palla finisce in angolo.

Al 33 Punizione per il biancoverdi Ennesi, Tira un bolide Patti e miracolo di Longo.

Scocca il 36° e la Folgore sfiora il goal Ata dalla destra per Testa, delizioso passaggio per Porto che dentro l’aria di rigore tira e sfiora il palo alla destra dell’estremo Sciarrino.

AL 39° sale in cattedra Testa che in grande velocità porta a spasso la difesa avversaria e subisce fallo al limite d’aria. Morici tira alta la conseguente punizione.

Segna il 43° il timer quando si svolge l’ultima azione importante della partita messa in opera dalla Folgore con Morici che tira alto.

Inizia il secondo tempo con la folgore in avanti, Messana di testa colpisce un pallone che finisce alto sopra la traversa.

6° Minuto Ata ruba un’ottima palla ad un difensore, serve Testa che perde palla per il rinvenuto Spataro.

La Folgore spinge sull’accelleratore e all’8 Ata crossa per Porto che istintivamente colpisce la palla con le mani e la palla termina in rete, l’arbitro non ha dubbi e alza il secondo giallo per l’espulsione dell’attaccante rossonero.

All’11 la Leonfortese, rinfrancata per la superiorità numerica , si fa viva in aria avversaria ma Longo è sempre attento.

Al 14 Ancora i Biancoverdi con Carbonaro dalla distanza prende l’icrocio dei pali.

AL 17° scende il gelo al Paolo Marino, Concialdi in contropiede entra in aria e mette a sedere tutta la difesa rossonera e batte l’incolpevole Longo.

La Folgore reagisce e forse inizia la sua vera partita dimostrando una gran voglia di rincorrere il pari, ci prova con Morici su punizione, alto!, con Tripodi che Mr. Gerardi lo ha spostato al centro del campo e con Ata che tira dalla distanza senza però fare male.

Al 34° la Folgore batte un calcio di punizione la palla spiove in aria per un tocco di mano da parte di un difensore avversario, l’arbitro non fischia e il suo assistente alza la bandiera per segnalare il fuorigioco.

I nervi sono tesi la Folgore ci prova ancora al 40 con Lombardo che scende al galoppo sulla fascia destra viene steso giù da Concialdi che lo falcia e il direttore di gara lo manda negli spogliatoi unitamente al tecnico Mirto per proteste.

Al 44 ancora un rosso ad opera della Folgore e ad opera di un Mangiaracina apparso poco lucido.

Folgore in 9 ma non doma, al 47 sfiora il pareggio, ottimo cross da parte di Ata per il tiro a volo di Testa in sforbiciata ma la palla fa la barba al palo.

Qualora fosse finita in pareggio non ci sarebbe stato nulla da dire, una Folgore che è apparsa ora appannata, ora lucida, ora bella.

I rossoneri rimangono a zero punti, il malumore nei tifosi serpeggia e domenica si va a Campofranco senza Tummiolo, Porto e Mangiaracina.

Folgore: Longo , Stallone (83 Barraco), Mangiaracina, Messana, Lombardo, Tripodi, Caruana (45° Alagna), Morici (69 Cacciatore), Testa, Ata, Porto. All Gerardi

Leonfortese: Sciarrino, Lombardo, Trovato, Spataro, Pecorino, Nucera (55° Vaccalluzzo), Di Pasquale (76° Mavica), Patti, Cosimano (82°Di Pasqua), Carbonaro, Concialdi. All. Mirto

Arbitro Stefano Frasca di Ragusa, Assistenti Eduardo Frangapane e Carlo Garofalo di Agrigento

Cartellini Gialli: 17° Caruana(F); 30° Lombardo (F); 31° Porto (F) 46 Tripodi(F); 48° Pecorino (L); 53° Porto (F);58° Concialdi (L); 82° Concialdi (L)

Espulsi: 58° Porto(F)(Doppio Giallo); 82° Concialdi (L) (Doppio Giallo); 89° Mangiaracina (F)

 

 

 

 

 

About Tonino Tuzzolino

One Comment

  1. antonino

    domenica 16 settembre 2012 at 18:46

    questo cretino si permette di applaudire e di giudicare i tifosi!!!!! ma ci vuole coraggio. ma tutti noi li troviamo a sto cretini asinazzo! ma ancora lo dobbiamo sopportare!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ma vattene a casa!!!!!!!!!!!!!!!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *